A volte questi due termini “sortilegio e rituale esoterico” vengono usati come sinonimi, ma in realtà indicano nozioni molto diverse. Si è vero, c’è una certa reciprocità nei significati, e questo può causare caos.

La diversificazione è la seguente:

* quando si scaglia un sortilegio magico, si usano la mente, le emotività, la volontà e le capacità naturali per produrre un risultato interno o esterno.

* quando si svolge un rituale esoterico, si esegue una serie di azioni finalizzate a un determinato obbiettivo.

Nel mondo profano utilizziamo continuamente i rituali senza nemmeno rendercene conto, per esempio preparandoci la mattina per recarci al lavoro o vestendoci  la notte quando andiamo a dormire.

Alcuni rituali dei profani hanno aspetti tradizionali come indossare la maglietta della propria squadra di calcio quando si torna a casa, pitturarci la faccia dei colori del nostro club e riempire il frigo di birra da poterci scolare prima durante la gara.

I rituali evocativi spirituali si utilizzano spesso per rendere omaggio e chiedere l’intercessione a un’entità superiore e onorare il proprio legame con essa, ma possono avere anche altri scopi conosciuti solamente da pochi iniziati

Un sortilegio magico può far parte di un rituale esoterico, è un rituale esoterico lungo e particolareggiato che può comprendere condotte rituali e interazioni con le divinità che avremo evocato.

Questo articolo parla di credenze popolari. L’esoterismo è un credo, una fede, non obbedisce a nessuna norma ne logica ne tantomeno Scientifica e Medica.

Compila il Form se desideri informazioni – Solo maggiorenni e persone senzienti!

captcha
Ricarica